Al via gli aiuti della Regione Puglia per il recupero e la valorizzazione di edifici storici rurali e per la tutela del paesaggio rurale

Presentazione del bando Architetture Rurali

28 aprile ore 18.00  Sala Consiliare Comune di Cisternino

 

L’incontro, organizzato dal GAL Valle d’Itria a quattro mani con il Comune di Cisternino, si terrà il 28 aprile presso la Sala consiliare del comune. Trulli, frantoi, masserie ma anche chiese rurali ed edicole votive sono i principali protagonisti del bando della Regione Puglia finanziato a valere della Azione 2.2 PNRR Turismo e Cultura.  Sono oltre 56 milioni di euro le risorse della dotazione finanziaria che il Ministero della Cultura ha assegnato con D.M. n. 107 del 18 marzo 2022 alla Regione Puglia, a valere sulle risorse del PNRR, con un obiettivo minimo di progetti finanziati pari ad almeno 375 interventi.  Vengono finanziati anche interventi di recupero per muretti a secco, fontane, pozzi e altre strutture tipiche del paesaggio rurale pugliese, testimonianza dell’economia agricola tradizionale e dell’evoluzione del paesaggio.

Dopo i saluti di Benvenuto del Sindaco, Loreno Perrini, e del Presidente del GAL Giannicola D’Amico, interverranno Anna Maria Candela, Dirigente di Sezione Tutela e Valorizzazione dei Patrimoni Culturali, e Roberto Pinto, Assessore alla Cultura del Comune di Cisternino. Nel corso dell’incontro saranno approfonditi tutti gli aspetti tecnici utili alla presentazione dei progetti.

“La forte affinità di questo bando con l’attività fin qui svolta dal GAL Valle d’Itria per valorizzare e tutelare l’unicità paesaggistica di questo territorio è stata la spinta a realizzare questo incontro d’intesa con il Comune di Cisternino” ha dichiarato il presidente del GAL Giannicola D’Amico “Il fatto che masserie e trulli, emblemi di bellezza e riconoscibilità di questa terra, siano al centro della attenzione di questo avviso è garanzia di successo per questa lodevole iniziativa”.

Le domande potranno essere inviate fino alle 17:59 del 25 maggio 2022.

Cerca

Scegli la lingua